La storica gioielleria De Polo di Treviso

La gioielleria De Polo non ha bisogno di presentazioni; per chi è di Treviso è un punto di riferimento per la raffinatezza ed i pregio dei suoi prodotti, e per l’ampia proposta di alta gioielleria, orologeria ed argenteria. Affacciata su piazza Borsa, cuore pulsante dell’imprenditoria della Marca, da decenni attira gli sguardi sognanti delle signore che sostano davanti alle sue vetrine, affascinate da pietre preziose, bracciali, anelli e collane… non per niente, come cantava Marilyn Monroe, i diamanti sono i migliori amici delle donne!

Nicolò De Polo rappresenta l’ultima generazione della nota famiglia di gioiellieri. E’ stato uno dei primi a conoscere il progetto di Trevisoemozioni e l’ha subito accolto con favore ed entusiasmo, riscontrando in esso un ulteriore veicolo di promozione per il commercio e il turismo di Treviso, in un momento di rinascita e ripartenza dopo il lockdown.

Le norme del distanziamento sociale adottate a seguito dell’emergenza sanitaria fanno sì che si svolga a distanza anche l’intervista, ma trapelano la passione e l’amore che Nicolò prova per la sua famiglia e per la sua attività e l’orgoglio con cui porta avanti la realizzazione un sogno che è stato di suo padre e di suo nonno. Perché la gioielleria De Polo affonda le radici nella storia anteguerra di Treviso, e continua incrociandosi ad essa nel momento del bombardamento avvenuto nel corso della seconda guerra mondiale, nella ricostruzione, arrivando fino a noi, oggi, portando la bellezza e la preziosità delle eccellenze italiane alla clientela.

Nicolò racconta che l’attività fu avviata dal nonno Emilio De Polo nel lontano 1936, in Piazza Borsa, e ricorda con un po’ di nostalgia che il nonno rievocava spesso i momenti drammatici del bombardamento avvenuto in quella piazza, mentre il papà ricorda ancora quando giocava tra le macerie del vecchio albergo Stella d’Oro con i suoi fratelli; le foto che allega all’intervista sono la preziosa testimonianza storica di una ferita di cui si notano ancora le cicatrici nel panorama urbano di Treviso. In esse si può vedere l’originale sistemazione della gioielleria De Polo in un edificio che ora non esiste più, essendo stato abbattuto negli anni 1958-59; in quel periodo le attività del Paradiso dei Bambini e della gioielleria furono spostate in una sorta di chiosco al centro della piazza.

Quando fu costruito il nuovo palazzo che avrebbe ospitato la nuova sede dell’attività De Polo furono installate anche la porta del caveau e la cassaforte, che sono tutt’ora parte strutturale dell’edificio. Non fu facile portare a termine la costruzione, per problemi collegati alla posa delle fondamenta, dovuti alla vicinanza del Siletto; furono necessari tre anni di lavoro.

Emilio De Polo optò per un arredamento che si facesse notare per l’unicità e la raffinatezza, con elementi lineari in pregiato legno di palissandro e un lampadario commissionato per l’occasione a Venini-Salviati, famose vetrerie veneziane. Nel 1990 Giovanni, figlio di Emilio e papà di Nicolò, ha ristrutturato il negozio, mantenendo inalterata l’allure dal gusto intramontabile voluta dal fondatore dell’attività.

Nel susseguirsi degli anni la gioielleria si è sempre distinta per le sue proposte raffinate e prestigiose. Giovanni De Polo aveva già maturato precedentemente l’esperienza di gioielliere nel suo negozio in via san Michele e, avendo studiato orologeria in Svizzera alla Revue Thommes, ha potuto apportare una nuova impronta alla gioielleria. I prodotti da lui proposti sono sempre stati ricercati e particolari, pur riuscendo a soddisfare tutte le esigenze della clientela. La caratteristica che lo distingueva era quella di mettere sempre la stessa attenzione nella scelta degli oggetti, dal più piccolo soprammobile d’argento al più importante collier in diamanti.

Nicolò De Polo ricorda che da ragazzino andava sempre molto volentieri in negozio per il piacere di trascorrere del tempo col nonno, respirando così quell’atmosfera che lo affascinava e che in seguito gli avrebbe fatto decidere di continuare l’attività di famiglia. Da adolescente poi si divertiva ad aiutare i genitori, acquisendo quasi per gioco l’esperienza che oggi mette a disposizione della sua clientela. Nel 1998 ha conseguito il diploma di Gemmologo GIA (Gemmological Institute of America), diventando esperto nella classificazione di diamanti, perle e pietre di colore.

Nel 2014 Nicolò è subentrato al padre, mantenendo l’impronta e lo stile ormai peculiare dell’azienda, ma ampliando la gamma di proposte con una gioielleria più fashion, che incontra il favore di una clientela vasta e trasversale. Col cambio generazionale, l’attività si è avvicinata così anche al gusto e alle esigenze di una clientela più giovane. Il rapporto con il clienti è potenziato dalla comunicazione, anche attraverso i social, e dagli eventi che vengono proposti frequentemente e accolti sempre con entusiasmo e partecipazione da parte non solo dei clienti ma anche di tutta la cittadinanza.

Vogliamo concludere con le parole finali dell’intervista a distanza con Nicolò De Polo, che denotano il suo amore per la nostra Treviso:

“Il mio impegno e la mia dedizione sono ripagati dal rapporto di fiducia e simpatia reciproca che sono riuscito ad instaurare con i clienti. La storia della nostra azienda, la Gioielleria De Polo, è da quasi un secolo intessuta nella realtà e nella storia della nostra città ed io sono orgoglioso di avere l’onore di rappresentare una delle attività commerciali più antiche di Treviso.”

Link di riferimento
sito internet: depologioielli.com
pagina Facebook: depologioielli
Instagram: @depologioielli

Ti è piaciuto? Condividi subito!